Informativa e consenso per l'uso dei cookie

Accetto

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più o per revocare il consenso relativamente a uno o tutti i cookie, fai riferimento alla cookie policy.

Dichiari di accettare l’utilizzo di cookies chiudendo o nascondendo questo banner, proseguendo la navigazione di questa pagina, cliccando un link o continuando a navigare in altro modo.

 30 Settembre 2020

La storia del Signor A è stata raccolta dalla cooperativa sociale Co.Ge.S, che tra il 2010 ed il 2011 ha partecipato alla realizzazione del progetto di ricerca-azione a carattere nazionale Pro.Ri.Ti.S. - Programma pilota per le procedure di Riconoscimento dei Titoli di Studio di titolari di protezione internazionale, cofinanziato dal Fondo Europeo per i Rifugiati, Programma Annuale 2009, e dal Ministero dell’Interno – Dipartimento per le Libertà Civili e l’Immigrazione.

Profilo 3

Il Signor A ha le idee molto chiare rispetto al proprio futuro, o almeno rispetto a quello che può o non può ottenere con le proprie credenziali. Laureato in Ingegneria, in Italia da quasi 2 anni, parla un buon italiano – che vantaggio – ed ha già sostenuto l’esame di Terza Media. Lavora, non nel proprio settore, ma gode di una certa tranquillità.

Nel periodo che ha trascorso in un Centro di accoglienza, si è dedicato all’apprendimento della lingua, e alla richiesta nel proprio Paese di origine di alcuni documenti preziosi. Ha già con sé la Dichiarazione di Valore, l’elenco degli esami sostenuti in traduzione legalizzata, il certificato di Laurea in traduzione legalizzata, e 13 attestati giunti via fax che attestano la partecipazione a corsi di aggiornamento effettuati durante gli anni in cui ha lavorato. 11 di questi sono in inglese, 2 nella lingua madre.
L’ottenimento di questi documenti gli è costato circa 300 euro. Ora dobbiamo farli fruttare. Decidiamo insieme di procedere su 2 fronti: il primo riguarda la possibilità di vedersi riconosciuto il titolo professionale dal Ministero, il secondo richiedere l’equipollenza presso l’Università, e poi decidere se la parte integrativa che verrà proposta è sostenibile, oppure se è preferibile iscriversi direttamente ad un Master.

Il nostro viaggio parte a febbraio 2011.

Ci richiede più o meno un mese di tempo, l’ottenere sia dal Ministero competente che dall’Università le informazioni dettagliate che ci servono per verificare la completezza dei documenti. E questo perché dobbiamo incrociare le disponibilità, a livello di tempi e orari, degli organi interpellati, e del suo lavoro. Poi c’è il tempo tecnico che può servire ad una persona che padroneggia l’italiano standard ma non quello legato alla burocrazia, per decifrare le risposte ottenute, districarsi nel mare di documenti richiesti, capire ad esempio presso un tribunale se il certificato penale richiesto è l’atto notorio, se il fatto che valga per l’Italia e non per il Paese di origine è un problema. Il certificato penale serve per richiedere il riconoscimento professionale, dovrebbe essere rilasciato dall’autorità competente nel Paese in cui è stato acquisito il titolo professionale. Certo per un rifugiato politico sarebbe una richiesta contraddittoria…

Allo stato attuale del nostro viaggio (giugno 2011), attendiamo dal Paese di origine un documento che attesti che il Signor A ha lavorato per più di due anni per l’azienda XX, e con quali mansioni. Dei 13 attestati, poiché non è in possesso degli originali, azzarderemo una traduzione, che non potremo autenticare e che quindi avrà valore informativo – avrà valore? – e che allegheremo alla domanda. L’impressione in alcuni momenti è di giocare una partita senza conoscere bene le regole del gioco. "Ogni caso è a sé" è una delle risposte che riceviamo più frequentemente, quando cerchiamo di capire se ha senso spedire dei documenti in fotocopia con una traduzione casalinga.

Per quanto riguarda la richiesta di equipollenza, la domanda è stata inoltrata all’Università. Manca la descrizione dei programmi dei vari corsi, stiamo pensando a come fare per ottenere un documento che spesso nelle università extra europee non esiste.
Il Signor A nel frattempo lavora, fa un lavoro che non ha nulla a che vedere con l’ingegneria, lavora con la mediazione. E riflette. Forse un Master potrebbe essere più qualificante e semplice da seguire. Un preventivo delle spese universitarie è impossibile, si saprà solo dopo l’eventuale iscrizione a quanto ammonta la spesa annuale.

Nel frattempo il Signor A ha cambiato città, forse nella nuova città troverà altre opportunità, ancora una volta completamente diverse da quello che stava cercando.

Scroll to Top